Anche i pesci d'acqua dolce sono nutrienti! Sappi quali dovresti inserire nella dieta

Per quanto viviamo in un Paese di dimensioni continentali, è abbastanza comune privilegiare un alimento più apprezzato nella nostra regione. Gli stati bagnati dal mare, ad esempio, consumeranno naturalmente più pesce di acqua salata, mentre quelli del Nord potrebbero finire per dare la preferenza ai pesci d'acqua dolce, poiché hanno fiumi ricchi di biodiversità. Ma anche senza la necessità di importare questi animali, è abbastanza comune che molte persone finiscano per provare alcune varietà per la semplice mancanza di abitudine, e questo è particolarmente vero quando si parla di pesci d'acqua dolce.

Come per l'acqua salata, è necessario prima di tutto essere attenti al loro periodo di riproduzione e deposizione delle uova e sapere esattamente quali specie possono essere consumate secondo le normative legali del paese. Una volta che tutto è a posto, scegli quello che vuoi provare. La buona notizia è che sono anche molto nutrienti e ognuno ha caratteristiche salutari benefiche.

Perché consumare pesce di fiume?

Innanzitutto è necessario sottolineare che alcune informazioni nutrizionali sono valide sia per i pesci d'acqua dolce che per quelli di mare. Ad esempio, entrambi hanno una quantità elevata di proteine, oltre ad essere ricchi di vitamine, minerali e omega 3, anche se in questo caso vincono i pesci di mare. Inoltre, in generale, i fiumi fluviali sono più adatti alle persone che soffrono di ipertensione. Il motivo è molto facile da capire: i marini bevono l'acqua dell'oceano, e per questo motivo finiscono per avere una maggiore concentrazione di sale nel corpo. In ogni caso, mangiare pesce è così benefico che si consiglia di mangiarlo due volte a settimana.

La tilapia ha un'alta concentrazione di proteine

Forse questo è il pesce d'acqua dolce più famoso del paese. Uno dei suoi maggiori vantaggi è che ha un valore proteico ancora più elevato rispetto ad altri pesci, che non è più piccolo. È anche a basso contenuto di calorie, il che lo rende ideale per chi cerca di perdere peso. E sebbene non sia acqua di mare, ha una notevole quantità di iodio, che aiuta la funzione tiroidea. Ma questo non è il suo unico minerale, poiché il pesce è anche ricco di selenio, fosforo e potassio, oltre ad essere una fonte di vitamine A, B6, B12 e D. Sebbene non sia originaria del Brasile, questa specie è coltivata nel nostro paese .

Dipinto fa bene al cuore

Trovato nelle regioni del Nord, Nordest e Midwest del paese, questo pesce è anche povero di calorie e offre anche grassi monoinsaturi, che fanno bene al cuore. Allo stesso tempo, è importante notare che non è molto adatto per le donne incinte, così come altri pesci senza squame, poiché hanno una maggiore possibilità di contaminazione da mercurio.

Lambari è ricco di calcio

Nonostante sia un pesce piccolo rispetto agli altri, è anche molto nutriente. Il suo più grande vantaggio è essere ricco di calcio, essendo un'ottima alternativa agli intolleranti al lattosio che hanno bisogno di consumare questo minerale attraverso altre fonti. Sebbene l'arrosto sia ampiamente diffuso, in diversi luoghi del Brasile questo pesce - noto in alcuni luoghi come piaba - viene mangiato fritto. È anche una fonte di potassio, magnesio e vitamine del gruppo B.

Pacu ha alti livelli di omega 3

Trovato sia nei bacini del River Plate che nel Pantanal, questo pesce offre una carne molto gustosa con poca spina dorsale. Oltre ad essere molto ricco di proteine, ha anche alti livelli di omega 3 ed è ancora più economico di altre specie che hanno la stessa quantità di questo acido grasso essenziale. Ricordando che i grassi polinsaturi hanno un'azione antinfiammatoria, aiuta a prevenire la depressione, l'ansia e anche il morbo di Alzheimer.

Pirarucu è noto per ridurre il livello di colesterolo cattivo e aumentare quello buono

Potresti non averne mai visto uno, ma è abbastanza probabile che tu abbia sentito parlare del pirarucu. Dopotutto, è uno dei più grandi pesci d'acqua dolce del mondo! Le sue dimensioni sono così esorbitanti che le popolazioni indigene usano persino le sue scaglie come carta vetrata. E quando si tratta di mangiare sano, lascia anche a desiderare. Innanzitutto è noto per ridurre il livello di colesterolo cattivo e aumentare quello buono. È anche ricco sia di omega 3 che di omega 6, che aiutano il corretto funzionamento del sistema immunitario. Inoltre, è una fonte di vitamine A e B complesse.