L'intolleranza al lattosio è curabile? Scopri se è possibile consumare nuovamente il latte

Chi soffre di intolleranza al lattosio sa che la restrizione sugli alimenti derivati ​​dal latte deve essere molto severa. Dopo tutto, il consumo della sostanza può causare sintomi come gonfiore, vomito, dolore addominale, gas e problemi ancora più estremi.

Ma lo sapevi che, a seconda dei casi, è possibile che l'intolleranza non sia più un problema? Esatto, dopo un po 'di tempo di trattamento alcune persone hanno iniziato a produrre lattasi (enzima responsabile dell'idrolisi del lattosio). Interessante vero? Per farti capire meglio questo argomento abbiamo preparato un articolo molto dettagliato. Divertiti e prendi tutti i tuoi dubbi!

Se riduci radicalmente l'assunzione di lattosio, è possibile che il tuo corpo si riprenda nel tempo

È importante notare che l'intolleranza al lattosio non è un problema "curabile". Molte persone che ne soffrono, trascorrono addirittura tutta la vita senza poter consumare cibi derivati ​​dal latte. Tuttavia, vale la pena ricordare che esistono diversi livelli di intolleranza: alcuni sono più miti mentre altri necessitano di una dieta più radicale.

L'intolleranza primaria (o genetica) al lattosio, ad esempio, consiste nell'assenza totale o parziale della lattasi (l'enzima responsabile della scomposizione del lattosio). In questo caso, è possibile che la persona abbia sintomi fin dall'infanzia, sebbene ci siano casi in cui il problema si è manifestato solo in età adulta. Il lato negativo è che, poiché è un'intolleranza congenita, finisce per essere permanente, senza molte prospettive di cura.

Nel caso dell'intolleranza secondaria al lattosio, d'altra parte, è del tutto possibile che il corpo si riprenda nel tempo. A differenza del primario, è causato da alcune lesioni o malattie (come malnutrizione, diarrea infettiva, giardiasi e celiachia) che compromettono il funzionamento dell'intestino e, di conseguenza, la produzione di lattasi. La buona notizia è che, poiché si tratta di un problema acquisito, questo tipo di intolleranza al lattosio può essere curata nel tempo, ma solo quando il trattamento viene eseguito nel modo giusto e con un monitoraggio adeguato.

Come funziona il trattamento per l'intolleranza al lattosio?

Ora che sai che in alcuni casi è possibile invertire l'intolleranza al lattosio, è tempo di conoscere il giusto metodo di trattamento. La cosa buona è che non è niente di troppo complicato: basta seguire tutte le restrizioni dietetiche che il medico propone.

Inizialmente, il taglio del latte e dei latticini viene effettuato in modo più radicale, il che garantisce un miglioramento dei sintomi (come gonfiore e dolore) e il recupero del corpo. Ma nel tempo, il cibo può essere reintrodotto - un po 'di latte, yogurt e formaggio, per esempio - sempre sotto controllo medico. Questa reintroduzione è importante per aggiungere sostanze nutritive all'organismo, come il calcio, e anche per cercare (gradualmente) una soluzione al problema. Interessante vero?

Se soffri di intolleranza al lattosio secondaria (acquisita), il nostro consiglio è di avvalerti dell'aiuto di un medico per cercare un trattamento efficace per riprendersi dal problema. Ecco il suggerimento!