Cos'è la cellulosa? Alimenti ricchi di questa fibra insolubile che fa bene all'intestino

Presente nella maggior parte delle verdure, la cellulosa è una fibra insolubile che (pur non assorbita dallo stomaco) aiuta molto nel funzionamento del sistema digerente. Mantiene le sostanze tossiche, coadiuva il funzionamento del transito intestinale (agisce come un lassativo naturale e aumenta la torta fecale, ad esempio) e garantisce anche la sazietà più a lungo, cioè è ottimo per chi ha bisogno di dimagrire. Vuoi conoscere le principali fonti alimentari di questa fibra insolubile? Elenchiamo quelli che hanno la più alta quantità di cellulosa. Check-out!

Fagioli e altri legumi (come lenticchie e piselli) sono importanti fonti di cellulosa e minerali

I fagioli, per chi non lo sapesse, sono uno dei principali alimenti che forniscono la cellulosa all'organismo. Mezza tazza di fagioli cotti, ad esempio, contiene 6 g di fibra insolubile. Pertanto, l'ideale è che sia sempre presente nella dieta di tutti. Il cibo è anche una fonte di altri importanti nutrienti, come ferro, calcio, fosforo e vitamine del gruppo B. Non dimenticare di immergere i fagioli per 12 ore prima della cottura, ok? I fagioli devono essere immersi nell'acqua per rilasciare antinutrienti, enzimi e sostanze che devono essere scartati.

Esistono altri legumi che forniscono anche la cellulosa e devono essere presenti nella dieta. Lenticchie e piselli, in particolare, hanno fibre solubili e insolubili, cioè aiutano, rispettivamente, nel controllo del colesterolo e nella funzione intestinale. Inoltre, questi nutrienti assicurano sazietà e sono ottimi per chi è a dieta.

Verdure come lattuga, broccoli e cavoli sono ricche di cellulosa

Per chi vuole seguire una dieta ricca di cellulosa, il nostro suggerimento è di inserire nella routine alimentare diverse verdure (come lattuga, pomodori, broccoli, spinaci e cavoli). Tutte le parti delle verdure - dallo stelo alle foglie - hanno un'alta concentrazione di fibre insolubili, aiutando nel funzionamento dell'intestino. Oltre alle foglie verde scuro, dovresti aggiungere anche verdure come patate, barbabietole e carote, che sono anche fonti di cellulosa.

Le bucce di mela e altri frutti hanno una maggiore quantità di fibra insolubile

Oltre a mangiare la polpa della frutta, è necessario includere anche le bucce nelle ricette, ok? Sono importanti fonti di cellulosa e altri nutrienti (minerali e vitamine in generale). La buccia di mela, in particolare, ha un'alta concentrazione di fibre insolubili e antiossidanti, cioè aiuta il sistema digestivo e rafforza l'immunità del corpo.

Per coloro che vogliono consumare una maggiore quantità di fibre, l'ideale è provare a consumare le bucce (sia frutta che verdura) quando possibile: spesso hanno una concentrazione di nutrienti più elevata della polpa del cibo stesso. Pertanto, l'ideale è non scartarli mai. Puoi preparare succhi, vitamine, dolci e varie ricette usando le bucce del cibo: ecco il consiglio!

I semi oleosi, come le mandorle e le noci, forniscono cellulosa, omega 3 e importanti vitamine

Non sono solo verdura, frutta e legumi a fornire la cellulosa, ok? I semi oleosi, come noci, mandorle e noci sono anche ricchi di fibre insolubili e dovrebbero far parte della dieta di tutti. Possono essere utilizzati nella preparazione di insalate, risotti, paste, dolci e ricette varie. Un altro punto positivo dei semi oleosi è che sono ricchi di acidi grassi essenziali (come l'omega 3), che aiutano direttamente la salute del sistema cardiovascolare. Inoltre, forniscono vitamine A, C, E e altri nutrienti importanti per il funzionamento del corpo.