Qual è il pasto più importante della giornata? Impara quando mangiare di più o di meno

Colazione, pranzo, merenda, cena ... Tutti i pasti hanno il loro giusto valore, soprattutto nella routine di chi vuole seguire una dieta regolata e con tutti i nutrienti necessari affinché il corpo sia forte e sano. Tuttavia, potresti aver sentito che la colazione è la cosa più importante della giornata e quindi non dovrebbe mai essere ignorata. Ma queste informazioni procedono davvero?

Per chiarire questo e altri dubbi, abbiamo parlato con la nutrizionista Vanessa Azevedo, che ha chiarito il valore della colazione e ha dato consigli per mantenere questo e tutti gli altri pasti con il valore nutritivo ideale.

La colazione è anche il pasto più importante per garantire l'energia necessaria per la giornata

Qualcuno probabilmente ti ha già detto, in un'occasione in cui hai pensato di uscire di casa senza bere il caffè, che questo primo pasto non va mai saltato perché è il pasto più importante della giornata. Ebbene, se non hai dato molto credito e hai continuato a saltare la colazione a causa della routine di corsa, è tempo di rivedere le tue abitudini: l'assenza della colazione fa davvero la differenza nel nostro corpo!

"Al mattino, dopo aver trascorso alcune ore a digiuno, il nostro corpo si sveglia assetato di sostanze nutritive. In questo modo, la colazione diventa il pasto principale della giornata. Deve fornire il giusto apporto di nutrienti e una varietà di vitamine, minerali e fibre per garantire energia e vitalità alla giornata che inizia ", spiega la nutrizionista Vanessa Azevedo.

Tuttavia, per fare la colazione nel modo giusto, il professionista sottolinea che è necessario preoccuparsi della qualità di ciò che si consuma - variando preferibilmente il menù durante la settimana in modo che il corpo assorba tutti i nutrienti necessari.

"Dobbiamo dare la priorità al consumo di alimenti di origine di carboidrati (come pane integrale, tapioca, patate dolci, manioca, frutta in generale) e alimenti di origine proteica (come uova, pasticcini di ceci, cottage, yogurt naturale), senza dimenticare il fibre, che si trovano nell'avena, nella chia e nei semi di lino! ", indica. E, per finire, Vanessa consiglia anche cibi che sono una fonte di grassi buoni, come latte di cocco in polvere, noci e mandorle laminate, ad esempio, che possono essere combinati con frutta o yogurt bianco.

Dopo un pranzo sano, la merenda pomeridiana è un alleato di chi vuole dimagrire

Per quanto la colazione sia il pasto più importante della giornata, è chiaro che è necessario pensare anche alla qualità degli altri. All'ora di pranzo, ad esempio, il nutrizionista dice che è necessario concentrarsi sulla disposizione del piatto. "Idealmente, metà del piatto dovrebbe essere verdura e verdure varie, ¼ di proteine ​​(diversi tipi di carne, uova, frutti di mare) e ¼ di carboidrati (riso e fagioli, patate, manioca, patate dolci), cercando sempre di variare quanto più possibile ", raccomanda.

Già la merenda pomeridiana, che molte persone finiscono per saltare per andare subito a cena, lei indica come una risorsa per chi è in procinto di dimagrire o semplicemente vuole avere abitudini più sane. "Quando facciamo uno spuntino pomeridiano equilibrato, di solito non arriviamo di notte affamati, cercando qualcosa da mangiare a casa", dice.

Quindi, per aiutare chi vuole mettere insieme il pasto ideale, il professionista lascia dei consigli: "Investire in una combinazione di frutta, noci (castagne, noci, mandorle) e fibre (chia, semi di lino, avena) o preparare uno spuntino simile alla colazione , secondo la tua fame e le tue esigenze nutrizionali ".

La moderazione è la parola d'ordine per l'ora di cena

La cena, a sua volta, è uno dei pasti che solleva più dubbi tra chi vuole mangiare nel modo giusto: dopotutto bisogna mangiare sempre poco o è possibile divorarne una quantità maggiore fino a un certo momento? Secondo Vanessa Azevedo, non esiste una regola su cosa sia proibito o meno, ma la parola d'ordine è moderazione!

"La cena è un momento in cui bisogna mangiare con moderazione, sì. Ma non esiste una regola come 'la cena dovrebbe essere senza carboidrati'. Dobbiamo sempre adattare il menù alle esigenze, agli obiettivi e alla routine di ogni individuo", spiega.

Infine, il nutrizionista dà alcune opzioni per chi vuole chiudere l'ultimo pasto della giornata in modo equilibrato per una migliore digestione. "Un buon consiglio è investire in insalate crude, minestre di verdura e preparazioni più leggere, come una frittata di verdure o un nascondiglio di cavolfiore con pollo".

* Vanessa Azevedo de Jesus (CRN 4 14100131) è laureata e master in Nutrizione all'UFF. Attualmente sta facendo un dottorato di ricerca nell'area presso UNIRIO