Piatto colorato: capisci cosa significa ogni colore per il tuo corpo

Preparare un piatto dai vari colori non è solo una questione di estetica, anche se non si può negare che l'impasto dei colori renda ogni alimento più appetibile, soprattutto per i bambini. Il vantaggio principale della preparazione di un alimento che mescola varie tonalità è nella quantità di nutrienti presenti in esso, cosa che non accade nei piatti monocromatici. Cioè, quelli che sono composti da un solo tono.

I piatti monocolore sono poveri di sostanze nutritive

Chi segue una dieta sana ha sempre piatti ricchi di colori diversi - come il verde lattuga, la barbabietola viola, l'arancia carota e così via. Ma lo sapevi che la presenza di tante sfumature non è un caso e non solo per rendere il cibo più appetibile e interessante? Più colorato è il pasto, più importanti sono i nutrienti che il corpo ha!

Ecco perché uno dei consigli più importanti per chi vuole iniziare a mangiare meglio è quello di evitare piatti che abbiano sempre un solo colore. Il motivo è il seguente: in questo modo, seguendo una dieta monocromatica, assorbirai un solo nutriente specifico e finirai con una carenza di molti altri importanti per il buon funzionamento dell'organismo.

Se consumi molte foglie verdi, ma non hai l'abitudine di aggiungere verdure e verdure di altri colori al tuo pasto, ad esempio, riceverai solo ferro e fosforo e mancheranno altri componenti necessari per una dieta sana ed equilibrata. Controlla i benefici di ogni colore nella dieta:

Il verde è ricco di fibre

Come già accennato, i cibi verdi sono una fonte di fosforo e ferro. Oltre a questi due componenti che fanno bene rispettivamente alla salute delle ossa e del sangue, sono anche ricchi di fibre e contengono sostanze antiossidanti. Ma non pensare che sia solo! La buona quantità di clorofilla - che è responsabile del tono verdastro - aiuta a prevenire patologie in quanto ricca di vitamine e minerali.

Il rosso fa bene al cuore

Le vitamine - comprese quelle del complesso B - e i sali minerali fanno parte della composizione dei cibi rossi. Ma tra questi, quello che spicca di più è il licopene. Oltre a conferire al cibo un tono rossastro, questo antiossidante fa bene al cuore, previene l'invecchiamento precoce e aiuta anche a combattere l'azione delle cellule tumorali.

Il giallo e l'arancione sono fonti di colore della vitamina C.

Il beta-carotene presente in questi alimenti è l'antiossidante responsabile del pigmento giallastro o arancione, che porta anche una serie di benefici all'organismo, come aiutare a ottenere la vitamina A e migliorare il sistema immunitario. Inoltre, come fonte di vitamina C, regola anche il metabolismo, fa bene alla salute degli occhi e contribuisce ad aumentare la formazione di collagene, che è ottimo per pelle, capelli e unghie.

Il viola previene l'invecchiamento cellulare

L'antocianina, che conferisce il pigmento violaceo a questi alimenti, ha tra le sue principali funzioni quella di contrastare l'azione dei radicali liberi e prevenire l'invecchiamento cellulare. Ma non finisce qui: oltre ad esso, i cibi viola contengono anche acido ellagico, un antiossidante che fa bene alla pelle e aiuta anche ad alleviare i processi infiammatori.

Il marrone previene i problemi intestinali

Oltre ad essere fonti di carboidrati, fibre e vitamine - E e il complesso B - i cibi marroni aiutano a prevenire i problemi intestinali. Inoltre sono ottimi alleati per chi vuole dimagrire aumentando il senso di sazietà.

Il bianco fa bene alla salute delle ossa

Poiché contengono una buona quantità di calcio e potassio, i cibi bianchi sono essenziali per mantenere le ossa sane e prevenire la comparsa di malattie ad esse correlate, come l'osteoporosi, ad esempio. Inoltre apportano benefici anche al sistema nervoso e cardiovascolare e agiscono nella prevenzione del diabete.