Novembre blu: vedi gli alimenti che aiutano a combattere il cancro alla prostata

Il "novembre blu" è per gli uomini, come l '"ottobre rosa" è per le donne: tempo di sensibilizzazione sulla salute e sulle nostre abitudini di vita. Questo mese i dibattiti sono incentrati sulla cura del cibo, sulla salute maschile in generale e - principalmente - sulla rottura del tabù che è l'esame per rilevare il cancro alla prostata.

Secondo i dati del National Cancer Institute - INCA -, il cancro alla prostata colpisce 60.000 uomini all'anno. Quando i casi non sono fatali, spesso lasciano importanti sequele, come l'incontinenza urinaria e la disfunzione erettile. Per evitare ciò, è necessario che la prostata venga esaminata una volta all'anno a partire dai 45 anni.

Secondo l'urologo e membro della Società brasiliana di urologia, il dottor Joabe Carneiro, tutto ciò che fa bene al corpo, dal tipo di cibo o dalle abitudini alimentari, ci fa avere un corpo sano, con conseguenti azioni preventive nel cancro alla prostata.

"Atteggiamenti come il mantenimento del peso ideale e l'esercizio regolare, non fumare, bere moderatamente, nonché mangiare diete a basso contenuto di grassi animali, a basso contenuto di grassi saturi, ricche di alimenti vegetali come broccoli, pomodori, cavolfiori, ricchi di antiossidanti, promuovono nelle persone una vita più sana e di conseguenza un minor rischio di malattie croniche, come il cancro alla prostata ", spiega il medico.

La guida nutrizionale raccomandata per mantenere aggiornate le difese naturali del corpo e proteggerlo dagli agenti cancerogeni è di mangiare almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno. Anche il consumo di latte e semi oleosi (noci, castagne, pistacchi, ecc.) Aiuta molto.

Alimenti per prevenire il cancro alla prostata

Licopene

Funzioni: potente azione antiossidante e inibitrice della proliferazione cellulare.

Fonti: pomodoro, guava rossa, carota, papaia e anguria.

Suforafano

Funzioni: Impedisce a determinati enzimi di attivare agenti cancerogeni nel corpo, oltre ad aumentare la produzione di enzimi che eliminano gli agenti cancerogeni dal sistema prima che diventino cellule pericolose

Fonti: broccoli, cavoli, cavolfiori, aglio e cipolla.

Fitoestrogeni

Funzioni: hanno il potenziale di influenzare le malattie associate all'ormone maschile, il testosterone, regolando il loro dosaggio.

Fonti: soia, frutta in genere, verdura in generale, tè e semi di lino.